Il Lions Club Valdichiana I Chiari ha sede nella rinascimentale Città di Montepulciano, ed è legato al territorio della Valdichiana e della Valdorcia attraverso la presenza in ben dieci comuni che appartengono a questa splendida area. Il Club, fin dalla nascita, si è fatto notare per i numerosi services che ha costruito attraverso il costante impegno dei propri officers e dei singoli soci, che hanno scelto di dare al Club una configurazione giovane e dinamica. Nelle principali iniziative e nei più importanti services, il LC Valdichiana I Chiari ha cercato e ottenuto il sostegno degli altri Lions Club presenti nella zona e riuscendo ad avere l'appoggio, sia organizzativo che di divulgazione, di altri importanti sodalizi internazionali di servizio e associazioni presenti sul territorio. La crescita del Club, sia numerica che qualitativa, è stata costante, come del resto la comunicazione dei propri intenti, sia attraverso la creazione di un sito web sia attraverso la partecipazione a trasmissioni televisive locali. Inviaci una E-mail

News dal Distretto Lions Toscana 108LA

Festa delle Forze Armate


Il prof. Marco De Vincentis
di fronte alla Cappella dei caduti
Il 4 novembre 2011, nella Cappella che commemora i caduti delle guerre all’interno del Santuario di Sant’Agnese, si è riunita una delegazione del Lions Club Valdichiana I Chiari insieme ad alcuni soci dell’Associazione Arma Aeronautica di Montepulciano per onorare tutti i soldati caduti nelle guerre sino ad oggi. Toccanti i momenti della preghiera rivolta ai caduti e la lettura di un pensiero rivolto dal prof. Marco De Vincentis, musicista dell’Aeronautica Militare Italiana, alla commemorazione del 4 novembre.
“Il 4 novembre è da sempre la Giornata delle Forze Armate. Questa ricorrenza, nata come festa della vittoria della guerra 15-18, si è col tempo definita come una celebrazione, e giustamente, dato che in una guerra non c’è nulla da festeggiare, anzitutto perché la vittoria si paga sempre a caro prezzo, ma anche perché la vittoria di una parte corrisponde alla perdita della parte avversa, a perpetuare divisioni tra i popoli è una cosa decisamente immorale e di concezione arcaica. Per chi ha in buon conto il rispetto della vita umana, le vittime avversarie dolgono quanto le proprie. L’umanità si è evoluta, necessariamente, in una direzione in cui tra i valori fondamentali della società stanno finalmente prendendo posto la solidarietà, e la vicinanza tra cittadini, anche di Stati differenti. Per questo motivo, ferma restando la data originaria, il senso della celebrazione si è spostato da un  mero festeggiamento della vittoria alla celebrazione delle Forze Armate, e al ricordo dei caduti delle stesse. Le Forze Armate hanno pagato un tributo di sangue enorme, nelle due guerre mondiali, nei conflitti intermedi, ma anche nel difficile percorso di pace che ha visto il secondo dopoguerra, fino ad arrivare ai giorni nostri, con le missioni di pace che sono diventate una realtà normale. In realtà, per le Forze Armate la guerra non è mai finita, e i militari italiani combattono sempre la loro lotta silenziosa per servire lo Stato e i cittadini. Sono militari i carabinieri che ogni giorno sfidano il destino sulle strade per far rispettare la legge, è militare il personale dell’Aeronautica che è sempre all’erta per difendere i cieli o per intervenire con i propri mezzi ovunque sia necessario, sono militari i soldati dell’Esercito che sono pronti a reagire ad attacchi ma anche a intervenire in caso di calamità naturali, e i marinai che vegliano sui nostri mari, e sono militari i finanzieri, il cui compito si è evoluto dall’antica guardia delle frontiere alla salvaguardia dell’economia e della sicurezza. E pur non avendo lo status militare, consideriamo come militari, impegnati per mantenere la pace e la legalità i Vigili del Fuoco, così come tutti gli appartenenti ai corpi di Polizia che quotidianamente lottano in prima linea per la difesa della salute e dell’incolumità dei cittadini. Perché le Forze Armate italiane sono questo: uomini e donne, professionisti, addestrati e motivati, il cui unico scopo è servire la propria Nazione, anche a costo della propria vita. In silenzio, senza cercare ricompense che vadano oltre la grande soddisfazione per il dovere svolto. In questo giorno, in cui in tutta Italia si onorano i caduti con cerimonie istituzionali che si svolgono la mattina, i militari presenti in tutta la Nazione recheranno alla sera un omaggio silenzioso presso i monumenti ai caduti, e nei luoghi più significativi legati alle Forze Armate e ai Caduti in guerra o servizio. Un omaggio austero, in rispettoso silenzio, per ricordare con riverente dignità i propri caduti. Tale omaggio non sarà un rito interno, riservato ai militari, ma, in linea con l’essere le Forze Armate parte integrante della Nazione, avverrà con il concorso di eventuali rappresentanze della società civile, che credono nel lavoro delle Forze Armate, e che condividono il messaggio di solidarietà che da sempre contraddistingue i militari italiani” Prof. Marco De Vincentis