Il Lions Club Valdichiana I Chiari ha sede nella rinascimentale Città di Montepulciano, ed è legato al territorio della Valdichiana e della Valdorcia attraverso la presenza in ben dieci comuni che appartengono a questa splendida area. Il Club, fin dalla nascita, si è fatto notare per i numerosi services che ha costruito attraverso il costante impegno dei propri officers e dei singoli soci, che hanno scelto di dare al Club una configurazione giovane e dinamica. Nelle principali iniziative e nei più importanti services, il LC Valdichiana I Chiari ha cercato e ottenuto il sostegno degli altri Lions Club presenti nella zona e riuscendo ad avere l'appoggio, sia organizzativo che di divulgazione, di altri importanti sodalizi internazionali di servizio e associazioni presenti sul territorio. La crescita del Club, sia numerica che qualitativa, è stata costante, come del resto la comunicazione dei propri intenti, sia attraverso la creazione di un sito web sia attraverso la partecipazione a trasmissioni televisive locali. Inviaci una E-mail

News dal Distretto Lions Toscana 108LA

Festa degli Auguri 2011


Sabato 17 dicembre 2011 i soci del Lions Club Valdichiana I Chiari si sono riuniti per la Festa degli Auguri, una delle occasioni di ritrovo più importanti dell’intera annata lionistica poiché permette ai soci di scambiarsi gli auguri in amicizia e armonia, insieme ai rispettivi familiari e agli amici più stretti, ed è dunque un momento di unione e fratellanza. Il presidente Giuliano Lenni ha richiamato l’attenzione sul fatto che dal primo gennaio cominceranno molti impegni del club, poiché l’annata lionistica entrerà nel vivo. Ha raccomandato dunque ai soci la massima partecipazione agli eventi e l’impegno dei presidenti dei services a portare a termine, assieme ai membri che compongono i comitati, gli impegni che servono a creare visibilità al nostro sodalizio e, inoltre, creano benefici alla comunità. Il cerimoniere Gabriele Rossi ha predisposto un contenitore, dove sono stati depositati i denari da destinare alla lotta al morbillo nei paesi africani. La prossima settimana, alcuni di noi, si recheranno all’Orfanotrofio Antoniano di Montepulciano per portare doni ai bambini e alle madri ospiti delle suore, grazie all’impegno della presidente del service Roberta Ruti. In questa serata particolare, oltre agli altri graditi ospiti, il club ha avuto il piacere e l’onore di avere la presenza del Parroco del Santuario di Sant’Agnese, co-patrona di Montepulciano, Padre Marco Baron, il quale ci ha parlato del Santo Natale e in generale della missione da lui svolta nelle Filippine, ricevendo un contributo di solidarietà dal club. L’oratore del club, il decano Renato Nenci, ha dato lettura di una poesia sul Natale scritta da Boris Pasternak, il grande scrittore russo autore tra l’altro del famoso romanzo “Il dottor Zivago”, oltre a leggere una personale missiva indirizzata a Gesù Bambino, tra l’emozione di tutti. Com’è consuetudine del club, il presidente ha reso omaggio ai soci e allo special guest attraverso un regalo simbolico inerente il Santo Natale. Il presidente Giuliano Lenni e la sua signora Carla, hanno scelto un frutto speciale, la melagrana, il cui significato era descritto dalla pergamena che lo accompagnava. Le signore socie in coppia hanno ricevuto un omaggio diverso, poiché di melagrana in casa ne basta una, mentre per Padre Marco è stato scelto un simbolo della Cristianità. Prima di consegnare i doni ai soci, visto che il Natale è soprattutto la festa dei bambini, il censore Marco Forzoni ha consegnato ad Agnese a Marco Junio un dono speciale. La festa, nata dalla collaborazione dei soci con l’aiuto del tesoriere Gennaro Albolino e del segretario Pasquale Spiezia, è stata un vero successo e i molti commensali hanno potuto godersi il panettone natalizio di 6 chilogrammi, fatto confezionare appositamente per la festa, unitamente ad una “magnum” da 6 litri con la quale il presidente ha distribuito a tutti i convenuti lo spumante per il brindisi finale che recitava: ”Auguri di un Sereno Natale e che la Melagrana ci aiuti a superare le difficoltà attuali sia economiche sia morali”.